Transiberiana D’Italia




In principio fu una legge, quasi un secolo e mezzo fa. L’ordine era di collegare l’appena nata Italia con un sistema viario e ferroviario. Venne fatto il progetto e nel 1892 cominciarono i lavori. Nel tempo record di cinque anni la Sulmona – Carpinone venne completata. Un tracciato di 129 km, con pendenza massima del 28‰ e con raggio massimo di 250 metri, che passa dai 348 m s.l.m. di Sulmona ai 1268 di Rivisondoli – Pescocostanzo, per poi riscendere ai 475 di Isernia. E nel mezzo la natura incontaminata. La tratta venne sospesa definitivamente il 10 dicembre del 2011, dopo la disposizione della Regione Abruzzo. A seguito della decisione vi è stata una raccolta firme per la riapertura e successivamente un progetto per il restauro della tratta a fini prettamente turistici. Furono così organizzati i primi appuntamenti, noti col nome della “Transiberiana d’Italia”. In occasione di uno dei viaggi, sono stato invitato a documentare il tutto e diventare ambasciatore dell’iniziativa. Parto alla volta di Isernia per partecipare all’antica Fiera Espositiva Agroalimentare della Cipolla, una tradizione che si svolge durante la Festa dei Santi Pietro e Paolo e che fonda le sue origini nel XV secolo. L’organizzazione è affidata all’Associazione Culturale “Le Rotaie”.  Prenota il Prossimo evento

Comments are closed